l'opera/

Nella sua ricerca Igor Eškinja confonde piani visivi differenti, creando stratificazioni che si prestano a una pluralità di letture. La semplicità della forma è una caratteristica estetica che offre la possibilità di manipolare il suo stesso significato. Deriva, come dice l’artista stesso, dalla necessità che una forma contenga contemporaneamente molteplici significati.

La serie Golden Fingers of Louvre sovrappone il valore immaginifico dell’istituzione museale francese con il dettaglio pittorico quasi barocco delle impronte lasciate dai visitatori sulle porte. I segni delle mani sono elementi fisici, materiali, che disorientano lo spettatore, stimolandolo a volgere la propria interpretazione altrove, verso l’astrazione visiva.

l'artista/

Igor Eškinja

Igor Eškinja ha studiato pittura all’Accademia di Belle Arti di Venezia. Nelle sue opere, l’artista costruisce delle architetture percettive come complessi semplici ed eleganti. ‘Per-forma’ gli oggetti e le situazioni, catturandoli nel loro momento di transizione intimo e silenzioso dall’apparenza formale bidimensionale a quella tridimensionale. Utilizzando materiali poco costosi e impiegandoli con estrema precisione ed esattezza matematica all’interno di parametri spaziali rigorosi, Eškinja dà forma a dei tratti che travalicano l’aspetto fisico e materiale per entrare nei registri dell’immaginativo e dell’impercettibile.

Ha recentemente esposto in: Do Plants Dream of the Future?, parte di Rijeka Capitale Europea della Cultura 2020; Shall I Compare Thee to a Summer’s Day?, collettiva online della Galleria Alberta Pane (2020); HyperGames, collettiva, Galleria Federico Luger, Milano (2020); Teatro Nazionale Croato Ivan Zajc, Rijeka (2019); ADN Galeria, Barcellona (2019); Galleria SC, Zagabria (2019); Studio La Città, Verona (2019); al Sariev Contemporary, Plovdiv (2018); al frei_raum Q21, Vienna (2018); Les Yeux Qui Louchent, collettiva, Galleria Alberta Pane Venezia (2017).

Le sue opere sono state inoltre in mostra al Casino Luxembourg - Forum d’Art Contemporain; MAC/Val, Musée d’Art Contemporain du Val-de-Marne; MARTa, Herford; Centro de Arte Caja de Burgos; Frac des Pays de la Loire, Carquefou; Museum of Art and Design, New York; Kunstforum, Vienna; Museum Of Contemporary Art, Zagreb; Manifesta 7, Italy. 

X STORAGE

caption/ 

Igor Eškinja

Golden fingers of Louvre, 2017 

Stampa archival su alluminio

40 x 30 cm

Ed. 1/3

prezzo/ 

Su richiesta

Partner:

© 2020 Venice Galleries View